Sanità anno 2017, la Corte dei Conti: “Ancora differenze tra Nord e Sud”

“Permangono grosse differenze nella qualità e nella disponibilità dei servizi sanitari tra Nord e Sud”.

Così il procuratore generale della Corte dei Conti, Alberto Avoli nella requisitoria orale del Giudizio di parificazione del rendiconto generale dello Stato relativo all’esercizio finanziario 2017.

“Questa diseguaglianza – spiega Avoli – viene intercettata dalla crescente incidenza della mobilità sanitaria. Quali poli di attrazione in cui si decide di emigrare per ricevere le cure spiccano Lombardia e Veneto a Nord, Emilia Romagna, Toscana e Umbria al centro”.

Altro punto negativo è la contrazione della spesa per investimenti infrastrutturali e tecnologici: “Ciò determina e aggrava il significativo tasso di obsolescenza delle tecnologie a disposizione delle strutture”.

Stando ai dati del Ministero della Salute e come più volte da segnalato da questo Ordine per ciò che riguarda le strutture sanitarie campane, circa un terzo delle apparecchiature è operativo da più di dieci anni, ragion per cui è necessaria una continua manutenzione, che le rende indisponibili per lungo tempo.

Questo sito utilizza cookie a scopi funzionali ed analitici. Possono essere presenti anche cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.